21 Oct


Vorrei prendermi

una vacanza da me stessa

che a volte mi sembra

di non essere me stessa

spegnere questo mio cervello

che erutta sempre come un vulcano

pensieri, ansie e paure.


Vorrei volare tra soffi di chimere,

utopie leggiadre che danzano sinuose

e si rincorrono tra vortici d'aria

in un abbandono senza tempo

in un piacere senza senso.


Vorrei che questo mio desiderio

potesse calmare

il mio respiro affannoso e 

invece, l'unica certezza

è il battito del mio cuore.


Marta

Commenti
* L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato sul sito Web.